La gestione del tempo: partire dai fondamentali, i sassi e la ghiaia

La maggior parte dei nostri clienti si rivolge a noi per la gestione del tempo: “Non riesco a stare dietro a tutto, vorrei una giornata di 48 ore, sono sempre in ritardo, sono sempre affannato, faccio cose, vedo gente, ma non concludo niente”. Ale ne ha parlato recentemente in un suo post e se anche tu hai sentimenti di disagio rispetto al tempo leggi qui.

Non sei solo, anzi sei in buona compagnia. E da questo malessere, molto diffuso, si sono sviluppate nel corso degli ultimi 40 anni tantissime tecniche di gestione del tempo, che anche noi utilizziamo e che possono essere davvero efficaci.

La gestione del tempo è un falso mito: il tempo si gestisce da sé

Ma il tempo è uno sconosciuto e noi ci siamo immersi dentro, senza sapere bene cos’è. Lo misuriamo usando le categorie dello spazio (il percorso del sole, quello delle lancette su un quadrante, la sabbia di una clessidra che scende dall’alto verso il basso), ma del tempo non sappiamo quasi niente.

Diciamola tutta: gestire il tempo è impossibile, anche perché il tempo si gestisce benissimo da sé. L’unica cosa che possiamo fare è gestire noi stessi nel tempo.

Ahia! Sembra più facile in teoria, ma in realtà è molto più difficile.

Cosa e perché – Obiettivi e motivazione

Perché? Perché imparare a gestire se stessi nel tempo, vuol dire in fondo, sapere cosa vogliamo fare del nostro tempo, cioè conoscere i nostri desideri, i nostri obiettivi, avendo, si spera, anche un’idea del motivo che ci spinge in una direzione invece che in un’altra. Chiarezza degli obiettivi e consapevolezza sulla motivazione sono di grande aiuto per riuscire ad essere efficaci. Non ci si arriva in un minuto, ed è un grandissimo lavoro da fare, molto impegnativo, ma anche ricco di soddisfazioni.

Come – Trovare le giuste strategie

È a quel punto, quando cominciamo a prendere consapevolezza dei nostri desideri e a sostenerli con una motivazione chiara, che possiamo dedicarci a capire come gestire noi stessi nel tempo e allora sì, che possiamo sbizzarrirci con le varie tecniche di cui puoi trovare alcuni esempi nei nostri post e video: la tecnica del pomodoro, la tecnica per imparare come non procrastinare e quella per imparare a migliorare la gestione della casella di posta elettronica grazie alle etichette.

Ti aiutiamo noi con la gestione del tempo!

Se non lo avessi capito, noi facciamo proprio questo di mestiere: ti aiutiamo a prendere consapevolezza delle cose a cui vuoi dedicare spazio e tempo, a comprendere il perché vuoi farlo e, quando hai queste risposte, ti aiutiamo a capire come farlo, ti aiutiamo ad organizzare una strategia, a pianificare il tuo progetto con l’aiuto di tecniche che siano adatte a te e alla tua portata.

L’estate sta arrivando. Pronti col secchiello?

Visto che l’estate sta arrivando, che andremo presto in vacanza e che magari ci ritroveremo sulla sabbia di fronte al mare, ti invito a fare un gioco, da solo o in compagnia. Se ti interessa la gestione del tempo, serve a partire col piede giusto, a fare chiarezza su cosa vuoi fare del tuo tempo, che poi vuol dire della tua giornata, e in fondo della tua vita.

Prendi un secchiello, 4 o 5 sassi un po’ grossi (che ti occupino tutta la mano), qualche formina di ghiaia e qualche formina di sabbia finissima.

Il secchiello è la tua vita. La tua vita in questo momento, non 5 anni fa o fra 20 anni. Adesso.

I sassi sono le cose veramente importanti per te adesso, i tuoi valori (per esempio: salute, famiglia, figli, sport, soldi, lavoro, studio, amicizie, spiritualità, volontariato, musica, animali). Sono i tuoi “voglio”. Scegli 5, massimo 6 “valori” (cose importanti) e scrivili sui sassi che hai in mano, con un gessetto o un pennarello.

Ghiaia: sono le cose che ti occupano tempo, ma che non sono “valori”, cose che, volente o nolente, devi comunque fare: la spesa, preparare da mangiare, occuparti della macchina, la burocrazia, le lavatrici, fare il pendolare. Sono i tuoi “devo”. Metti la ghiaia nelle formine, scrivici sopra cos’è e guarda quant’è.

Sabbia: è il tempo perso che ti scorre fra le dita e di cui non ti rendi quasi conto, le ore passate sui social, gli aperitivi di troppo, il gossip inutile, tutte quelle serie tv di cui non ricordi neanche più il titolo. Ognuno ha la sua sabbia. Anche in questo caso mettila nelle formine e scrivici sopra in cosa perdi il tuo tempo. Guardali in faccia i tuoi “ladri di tempo”.

E adesso il gioco: sei davanti al mare, risacca in sottofondo e nuvole bianche all’orizzonte. I tuoi sassi da una parte, la ghiaia e la sabbia dall’altra. A destra i tuoi “voglio”, a sinistra i tuoi “devo” e i “ladri di tempo”. Il secchiello, la tua vita, è una scatola finita, non ci può entrare tutto, devi scegliere, e il gioco sta nel riuscire a farci stare più sassi possibili. Per farlo bisognerà ridurre ghiaia e sabbia, soprattutto sabbia, perché altrimenti i sassi rimarranno fuori. Ma soprattutto bisognerà mettere prima i sassi e poi la ghiaia perché altrimenti i sassi non ci staranno più. Le chiamano priorità, appunto. Proprio perché vengono prima.

Non è così anche nelle tue giornate? Se ti fai rubare il tempo dalle attività inutili, poi non ci sarà più spazio (tempo!) per quelle importanti!

È una bella svolta!

Mica facile, vero? Sì, lo so, volevi startene di fronte al mare e per una volta tanto non pensare a niente, ma guarda che questo gioco, fatto col vento fra i capelli e il sole in faccia è una bella svolta! Prendere consapevolezza dei tuoi sassi è il primo passo di un percorso più lungo che ti porterà lontano.

E mi raccomando! Se decidi di farlo davvero vogliamo una foto col secchiello, con la sabbia e con i sassi!

Comment

Non ci sono commenti

Scrivi un commento

Pin It on Pinterest

Vuoi ricevere la nostra guida veloce all'organizzazione?ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER