Come imparare a non sprecare tempo e a gestire meglio le giornate

Qualche settimana fa mi sono trovata, come tanti, a pensare ai buoni propositi e tirare le somme dell’anno appena finito. Se ci pensi, guardarsi indietro e analizzare cosa hai fatto in un anno, equivale a capire come hai gestito o se hai sprecato il tuo tempo.

Attenzione, non sto parlando esclusivamente del raggiungimento degli obiettivi, che se li hai formulati in modo Smart, allora sai esattamente come misurali. Io sto parlando da un altro punto di vista, e cioè del renderti conto di come hai utilizzato il tuo tempo, se lo hai sprecato o se lo hai sfruttato al meglio. Puoi pensare a quali esperienze hai fatto, cosa hai imparato, quali sono stati i momenti da ricordare e cosa ti ha reso in qualche modo felice.

Per recuperare queste informazioni ho dovuto fare mente locale e scandagliare la mia memoria per cercare di fissare quanti più dati possibile. Siccome quest’anno voglio rendermi conto ogni giorno di come uso il mio tempo, ho deciso di creare un sistema per registrare, man mano che succedono, gli highlights delle mie giornate. Per questo ho creato una bacheca Trello che voglio condividere con te.

La lista delle cose fatte

Durante un anno facciamo tantissime cose e non è detto che tutte siano legate ai buoni propositi o agli obiettivi. Ecco che allora ti servono anche altri parametri per capire se un anno è stato positivo o meno.

Uno dei parametri per me fondamentali è la sensazione di soddisfazione che sento. La soddisfazione è un sentimento che mi fa dire: ma guarda come ho speso bene il mio tempo, come non l’ho sprecato.

Per arrivare a dire di essere soddisfatta però ho bisogno di accorgermi di quante cose ho fatto. In quei giorni di bilanci di qualche settimana fa mi sono trovata a compilare liste, non delle cose da fare, ma delle cose fatte.

Ho iniziato a elencare:

  • i libri letti
  • le serie belle da consigliare
  • i piatti nuovi che mi sono riusciti bene
  • i film belli
  • i nuovi posti visti
  • le persone interessanti incontrate
  • le cose nuove che ho imparato
  • il tempo prezioso passato con le persone importanti
  • i talk che mi hanno lasciato qualcosa agli eventi
  • il buon vino bevuto
  • le canzoni preferite dell’anno

Tu quali liste vorresti compilare?

Prova a pensare a quali sono le attività che vuoi ricordare e immagina di creare una specie di diario nel quale annotare, man mano, tutte le cose che vuoi ricordare. Se fai affidamento solo sulla tua memoria infatti, rischi di perderti un sacco di buoni motivi per essere soddisfatto a fine anno. In fin dei conti, per capire se hai gestito bene il tuo tempo, basta misurare la soddisfazione a fine giornata o a fine anno!

Come faccio a tenere traccia di tutto?

La prima cosa da fare è decidere quali sono le informazioni che vuoi memorizzare e che ti farà piacere leggere a fine anno. Quindi fai l’elenco delle categorie delle liste che vuoi compilare.

Decidi poi quale strumento ti è più facile utilizzare. Può essere un quaderno, un diario o un supporto digitale, come una bacheca Trello.

Ogni sera, abituati a inserire almeno una voce in una delle liste con le attività/cose/esperienze che vuoi ricordare.

Se in un giorno non hai nessun libro, persona, film, luogo da ricordare, allenati a scrivere le tue “gratitudini”, quelle cose cioè di cui essere grati a fine giornata, per accorgerti anche delle cose più piccole che però, sommate giorno dopo giorno, ti fanno ricordare quanto può essere ricca la tua vita.

Di tanto in tanto rileggi quanto scritto per renderti conto se quello che fai ti soddisfa o meno. Fare questa analisi ti serve per mettere meglio a fuoco come stai utilizzando il tuo tempo ed eventualmente correggere la rotta per cambiare qualcosa nella tua vita.

Lo scopo di queste liste 

Ci sono due scopi nel creare e compilare queste liste:

  1. Se ogni giorno ti alleni a scrivere almeno un elemento in una lista, o le gratitudini per le piccole conquiste quotidiane, a fine anno ti ritroverai una montagna di dati che potrai analizzare per capire se hai gestito bene il tuo tempo e cioè se il tuo anno è stato positivo e meno.
  2. Prenderti qualche minuto tutti i giorni per fare una fotografia della tua giornata, come una specie di diario del tempo, ti permette di analizzare, in tempo reale, come stai gestendo il tuo tempo o accorgerti invece che stai sprecando intere giornate. A volte basta guardare una fotografia per avere la spinta a mettere in atto qualche strategia per cambiare e migliorare.

Usare Trello come un diario

Ti ho accennato prima che puoi tenere traccia delle tue liste su un quaderno o su un qualche supporto digitale. Io mi sono creata una bacheca Trello e l’ho strutturata rispetto alle liste che ho elencato prima. Se ti può essere utile e vuoi un modello da cui partire, puoi scaricare la bacheca pubblica che ho creato su Trello per registrare le cose per cui, a dicembre 2020 potrai essere orgoglioso. Basta che la copi nel tuo Trello modificandola come può esserti più utile. Ho pensato di usare le colonne come categorie (cioè le liste) e le card come le voci delle liste.

Non sai cosa è Trello? Niente paura, puoi fare la stessa cosa con un quaderno, o guardare questo video!

Se poi ti rendi conto che sprechi un sacco di tempo e quest’anno hai voglia di imparare a gestire meglio le tue giornate e dare una svolta alla tua vita, allora contattaci!

Spero che il tuo 2020 sia l’anno in cui inizierai a non sprecare il tuo tempo!

Comment

Non ci sono commenti

Scrivi un commento

Vuoi ricevere la nostra guida veloce all'organizzazione?ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER