L’emergenza ci fa capire quanto sia importante la formazione aziendale

I tuoi dipendenti, collaboratori e soci sono a prova di smart working? 

Se hai un’azienda, grande o piccola che sia, o sei titolare di uno studio professionale, sai quanto sono importanti le tue risorse, le persone che lavorano con te e che ogni giorno ti aiutano a portare a casa il fatturato e a navigare fra i mille ostacoli che incontri sulla strada, corona virus compreso.

Probabilmente li hai assunti tu, credi in loro, e sicuramente hai delle aspettative. Conti sulla loro competenza e affidabilità, sulla capacità di lavorare in gruppo e di svolgere al meglio il compito che gli hai assegnato. Conti su di loro, soprattutto perché tu hai molte altre cose a cui pensare e non ti puoi occupare dell’ordinario, della routine che dovrebbe essere la base solida su cui costruire gli sviluppi futuri.

Dunque, la formazione aziendale è fondamentale affinché la collaborazione con le tue risorse risulti realmente proficua.

Lavorare in un mondo V.U.C.A. richiede risorse di alto livello

V.U.C.A. è l’acronimo di Volatile, Uncertain, Complex, Ambiguous, una perfetta descrizione del mondo complesso e incerto come quello che stiamo vivendo in questi giorni.

Lavorare in un mondo V.U.C.A. vuol dire dedicare moltissimo tempo a immaginare scenari futuri, a capire con 2 o 3 anni di anticipo quali mosse fare, vuol dire occuparsi di sviluppo del prodotto, o dei servizi, vuol dire fare investimenti sulle nuove tecnologie, e capire oggi dove andrà il mercato domani. Compito estremamente difficile, specialmente in un momento come questo.

Lo sai meglio di me, hai bisogno di tempo, di lucidità, di focus, e soprattutto di avere sotto di te una macchina oliata che va da sola, con dipendenti e collaboratori di livello, capaci di lavorare e auto-organizzarsi in smart working e che se la sappiano cavare anche in situazioni di emergenza come queste.

Vuoi dipendenti e collaboratori che rispettino le scadenze coi clienti, che invece di portarti problemi ti trovino soluzioni, che oltre a fare il loro facciano anche quel famoso passo in più. Persone organizzate, che hanno sotto controllo l’ordinario e che quindi possono permettersi anche lo “stra-ordinario”.

Perché l’ordinario non basta più ed è per questo che è fondamentale la formazione aziendale. “O ti formi o ti fermi“, recita un famoso slogan e in effetti è così. In questo momento hai sicuramente altro a cui pensare, ma è proprio in questi frangenti che diventa evidente quanto sia importante pensare “avanti” e non aspettare l’imprevisto.

 

I KPI dell’organizzazione al lavoro: cosa vuol dire essere organizzati?

Ma cosa vuol dire essere organizzati al lavoro e cosa vuol dire avere sotto controllo l’ordinario?

Dando per scontata la competenza specifica nel settore in cui si lavora, a voler essere super-stringati questi, secondo me, sono i KPI, gli indicatori chiave, dell’organizzazione al lavoro:

  • Trovare quello che cerchi quando lo cerchi: i file nel pc, i dati da inserire nel report, l’e-ticket per la tua prossima trasferta (speriamo presto!). Hai una scrivania in ordine, un luogo di lavoro pulito, gradevole e funzionale
  • Essere in orario e preparato: agli appuntamenti offline e online, da un cliente, ad un evento di networking. Hai con te quello che ti serve, quando ti serve. Hai pensato agli imprevisti (corona virus a parte).
  • Avere la situazione della giornata e della settimana sotto controllo: hai in agenda con un carico di lavoro equilibrato, un giusto mix di pressione, dinamismo e tempo per la riflessione. Hai il tempo per pensare
  • Avere degli obiettivi a breve, medio e lungo termine: hai una direzione e non ti senti il criceto nella ruota. Sei orientato al positivo, in una prospettiva di apprendimento continuo.
  • Saper gestire un progetto: hai un progetto importante in consegna fra tre mesi. Sai monitorarne l’avanzamento e mettere in atto eventuali correzioni rispettando i tempi di consegna senza andare in emergenza.
  • Comunicare in modo efficace, lavorare bene in gruppo: i tuoi colleghi, collaboratori, soci sono aggiornati sui progetti comuni, la tua comunicazione è chiara sintetica ed efficace. Le riunioni sono brevi e focalizzate. Mail e messaggistica varia sono sotto controllo, sai arginare le distrazioni.
  • Equilibrio vita-lavoro: hai una solida routine: dormi quanto basta, mangi in modo regolare, fai attività fisica e ti prendi cura della tua salute e quella tua famiglia. Nella tua vita c’è spazio per gli affetti, le passioni, il divertimento. Il famoso work life balance.

Formazione aziendale: o ti formi o ti fermi!

Capacità di base che tutti noi dovremmo avere nella nostra cassetta degli attrezzi, soprattutto adesso che lo smart working è diventato una realtà. La brutta notizia è che non tutti siamo pronti, la bella notizia è che sono competenze che possiamo acquisire o migliorare. Basta organizzarsi e …formarsi!

Quindi se vuoi far crescere i tuoi collaboratori attraverso la formazione aziendale, Organizzatessen ha messo a punto un percorso di formazione per l’organizzazione in ufficio, dedicato sia alle risorse più operative che al management.

Ci prendiamo cura di tutti quegli aspetti che troppo spesso vengono dati per scontati, dalla gestione del tempo e dello spazio a quella degli archivi, delle mail e delle riunioni. Allo sviluppo del giusto approccio mentale per gestire il cambiamento. Con una formazione ad assorbimento lento che prevede 9 incontri con cadenza settimanale o bisettimanale a seconda delle tue necessità. E che può essere erogata, sia live, quando torneremo alla normalità, che online, tramite webinar.

Per darti un assaggio dei nostri corsi e aiutarti a far fronte a questa emergenza abbiamo preparato 3 mini-webinar di circa 15/20 minuti l’uno, intitolati S.O.S. Smart Working che raccolgono alcuni consigli su comunicazione, gestione dello spazio, abitudini e mindset per te e il tuo team per lavorare da remoto. Clicca per guardarli e se li trovi utili condividili!

 

Comment

Non ci sono commenti

Scrivi un commento

Vuoi ricevere la nostra guida veloce all'organizzazione?ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER